Recensioni

Another Lost Phone – Laura’s Story – Recensione

21 Set , 2017  

Another Lost Phone – Laura’s Story – Recensione


 

Torna un nuovo capitolo di “A normal lost phone”, ma non si tratta del proseguo del precedente, bensì di una storia del tutto nuova con protagonista Laura. L’iter resta lo stesso, ovvero ritrovate lo smartphone di uno sconosciuto e dovrete riuscire a cavarne il massimo delle informazioni, fino a giungere all’epilogo. Vi ricordo che questo gioco non incoraggia a invadere la privacy altrui, ma è solamente un modo diverso e fantasioso di raccontare una storia.

Tra tap, scrolling e swipe

Se avete già giocato “A normal lost phone” conoscete bene la tipologia di gioco, non aspettatevi grosse differenze a livello di gameplay, se non nel fatto che ci sia una nuova trama. Per chi invece non lo conoscesse, si prepari ad indagare spulciando tra le schermate di un cellulare, leggendo con attenzione gli SMS, le mail e le conversazioni sui social di uno “sconosciuto”. Prendete appunti per ogni dettaglio, foto, data o numero che troverete, perché vi saranno utili per andare avanti e superare alcuni “blocchi” erti da password che dovrete scovare con gli elementi a disposizione. Ad ogni password inserita, sentirete man mano emergere i pensieri più nascosti di Laura, le sue gioie, le sue paure e le sue angosce, sarà come raggiungere uno strato sempre più profondo della sua anima.

Graficamente avremo la nostra “schermata” da smartphone, con tutte le applicazioni base disponibili, per questo motivo avrete un grado di immersività più alto se giocato su di un dispositivo Android o iOS.

Considerazione finali

Se vi è piaciuto il primo, o vi piace il genere investigativo, sicuramente vi consiglio anche questo titolo, ma ricordate il punto cruciale di questa saga è la storia che racconta, sempre atta a far riflettere su alcune problematiche sociali, tra l’altro molto attuali, ma non voglio anticiparvi nulla. Come nel primo capitolo degnissima di nota la colonna sonora che ho trovato molto piacevole e rilassante. La longevità non è il suo punto di forza, se sarete veloci a risolvere gli enigmi, lo finirete in circa un’ora, ma c’è anche da dire che il prezzo è proporzionato alla durata, solamente €2,99. Piccola nota negativa almeno per la versione Steam, non c’è stato verso di attivare il v-sync neanche dal pannello di controllo nvidia, e facendo circa 4000 fps con la mia config, l’ho dovuto giocare con un livello di rumorosità della ventole un po’ altino, comunque qualcosa di abbastanza facile da fixare da parte degli sviluppatori.

Il gioco è disponibile da oggi 21 Settembre al prezzo di €2,99 per Steam, Android e iOS (€3,49).

Qui trovate la recensione del capitolo precedente A normal lost phone. Non è essenziale giocarli in ordine, trattano di due storie diverse.

Screenshot

Trailer


2 Responses

  1. Nex Rajic ha detto:

    Come il primo, pure questo capitolo mi incuriosisce (e non sono uno stalker 😁). Il primo mi è piaciuto davvero perché appunto riprende delle tematiche attuali, che però raramente vengono trattate nei videogiochi e anche nella vita vera purtroppo. Anzi, spesso vengono considerate dei tabù…
    Lo prenderò sicuramente, però come ho già fatto con il primo capitolo, aspetterò che scenda sotto 1€ (o addirittura 10 cent con le app della settimana del play store), se no cosa ci starei a fare su giochiscontati 😁

  2. Giochi Scontati ha detto:

    Ottima disamina sul gioco Nex. Personalmente è piaciuto molto questo modo alternativo di raccontare la storia ed ogni volta mi innamoro della colonna sonora 🙂 Spero continuino a farne altri.

Lascia un commento